Loading...

Prestiti per Consolidamento debiti: cosa sono e chi può ottenerli

prestiti per consolidamento debitiLe formule di consolidamento debiti servono ai protestati che vogliono chiedere un prestito, ma anche per risolvere le pratiche in sospeso. Cosa si intende per consolidamento del debito e quali sono le garanzie richieste?

Cosa sono

Se sei protestato, potresti ricevere brutte sorprese quando chiedi un servizio bancario. I protestati non possono:

  • Avere un conto corrente;
  • Avere una carta di credito;
  • Chiedere un finanziamento

finché non saldano il debito precedente. Per questo, quando ti verrà rifiutata la pratica, sarà l’impiegato della nuova banca a proporti un prestito per consolidare i debiti pregressi. In pratica, la banca ti dà la possibilità di ottenere un prestito, dove però non riceverai tutti i soldi richiesti.

Una parte andrà a pagare le banche con cui hai un debito, il resto andrà nelle tue tasche. Il prestito per consolidamento debiti rientra, così, tra i prestiti personali, ma finalizzati (cioè la banca sa che tu userai quel denaro per pagare i debiti che già hai).

Alla fine, potrai chiudere la pratica con le altre banche e aggiornare la visura per uscire dal registro dei protestati.

Chi può richiederli e come si pagano

I prestiti con consolidamento del debito si possono chiedere solo se si hanno dei debiti. Non c’è bisogno di essere protestati per accedere: una persona che ha contratto più prestiti (per esempio, per la casa e per l’auto), può chiedere il consolidamento per pagare in un unico prestito entrambe le cose, con un’unica rata più leggera.

In ogni caso, sono i protestati quelli che hanno più vantaggi a chiedere questi prestiti, che si possono pagare con bollettini postali, oppure con le cambiali. Per trovarli, cerca sui siti specializzati in preventivi le offerte delle banche e ricorda di presentare forti garanzie.

Pagare con la cessione del quinto

Le garanzie devono essere molto forti per poter accedere a questo tipo di prestiti: o si punta all’ipoteca su un immobile (o un’assicurazione sulla vita), oppure si punta allo stipendio da dipendente a tempo indeterminato.

In questo secondo caso, la banca preleverà direttamente gli importi dovuti ogni mese dallo stipendio, con la formula della cessione del quinto.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Goprestiti.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons